All pictures - if not otherwise credited in the watermark - are from the archives of Maurizio Eliseo. English version edited by Anthony Cooke.

Copyright © 2013-2019 ItalianLiners.com - All rights reserved.

  • Wix Facebook page
  • YouTube App Icon
  • Wix Twitter page
  • LinkedIn App Icon

SPONSORS      

Screen Shot 2019-02-22 at 16.15.07_edite
THALIA MARINE LOGO SMALL.jpg
SILVERSEA LOGO2.jpg

BIOGRAFIA

 

 

Sergio de Luyk Triestino (26.07.1948)di famiglia lussignana, da sempre legato alle tradizioni marinare istro-dalmate ed adriatiche appassionato di storia delle grandi navi passeggeri italiane

Laureato in Medicina e Chirurgia a TS Medico di Medicina Generale Specialista in Igiene e Medicina Preventiva e medico di Bordo Supplente.

Sin dall’infanzia appassionato di fotografia ha nella sua collezione numerose immagini di navi da crociera moderne.

Negli anni ’60 -’70 ha vissuto da vicino, in relazione alla carriera professionale di mio padre (Comandante della motonave Italia), lo sviluppo della moderna industria del Cruising. Come Medico di Bordo, ha avuto modo di partecipare per conto di Fincantieri alle prove in mare della prima “Crown” e “Regal Princess” (1990-91), e successivamente di numerose altre unità Fincantieri sino al 2002.

Membro di “Italian Liners” dalla sua fondazione.

 

 

 

 

SINOPSI

 

La conferenza si propone di raccontare la storia della prima nave progettata e costruita in Italia (a Trieste) ad esclusiva destinazione crocieristica di alta fascia. Con quella nave, partita esattamente 50 anni fa da Trieste, ebbe inizio la storia californiana di Princess Cruises e del travolgente successo del moderno cruising a partire dagli anni 80.

Storie di navi, ma anche storie di uomini: tutte le navi hanno un’anima, raccontano la storia di chi le ha immaginate, di chi le ha costruite, di chi vi ha navigato e le ha amate.

Verranno quindi tratteggiate le tappe che hanno portato Princess Cruises da quegli inizi (1965) al successo di oggi, ed il ruolo importante che la cantieristica italiana, e gli equipaggi italiani, hanno avuto nell’espansione del fenomeno, in particolare il contributo dato dalle numerose unità costruite da Fincantieri a Monfalcone.