TITOLO 20.jpg
REX.png

REX

INTRODUZIONE

 

“Eccolo...eccolo! Eccolo! Babbo, babbo...il Rex! Il Rex!”. Con questa frase si apre la scena centrale di Amarcord il film che avrebbe tributato a Federico Fellini il premio Oscar. Tutti i protagonisti del film avevano preso imbarco su molte barchette per trascorrere la notte al largo di Rimini, in attesa del passaggio del transatlantico entrato nel mito: il Rex compare sfolgorante di luci nella notte buia per poi dissolversi come una costellazione di stelle nella notte, come un sogno meraviglioso. Il Rex è entrato nell’immaginario collettivo come simbolo dei grandi transatlantici degli anni Trenta; la sua fama iniziò già quando, nel 1929, venne dato l’annuncio della sua costruzione. Il momento di crisi internazionale aveva portato alla sospensione della costruzione di molti transatlantici e la notizia che l’Italia si accingeva a costruire una delle più grandi, moderne, lussuose e veloci navi del mondo fece scalpore ai quattro angoli della terra.

Il nuovo colosso della Marina Mercantile Italiana venne varato il 1° agosto 1931 dai sovrani italiani alla presenza di una folla immensa: di circa 100.000 persone. Per varare il Rex venne utilizzata la prima bottiglia di Brut riserva reale prodotta dall’azienda vinicola Gancia e il collo della medesima, custodito in una preziosa urna con il nome della nave e il suo profilo in diamanti, venne donato alla madrina, la regina Elena di Savoia.

Il Rex fu il primo transatlantico ad avere tutte quelle innovazioni che ne facevano un’autentica nave da crociera: cabine di lusso con veranda privata, aria condizionata, vasti ponti per lo sport e lidi grandi e immacolati con due piscine, centro benessere, garage con accesso drive-in direttamente dalla banchina…

La copertina firmata da Giuseppe Riccobaldi per l'opuscolo dedicato al varo del Rex.

Da un punto di vista tecnologico, il Rex è ricordato per essere stato una delle primissime navi al mondo dotate di prora a bulbo; la sua straordinaria carena, studiata presso la vasca navale di Amburgo, era stata ottimizzata copiando le sue forme da quelle della trota. Il Rex fu un mix di tradizione e innovazione: all’esterno presentava linee aggraziate e filanti, tipiche dello streamline e dell’industrial design anni Trenta, mentre gli interni erano più conservatori e ispirati agli stili storici più classici. Da notare che fu anche una delle ultime navi con poppa a clipper; soluzione questa che soluzione, per quanto démodé, era stata scelta per ottenere una maggiore superficie dei lidi poppieri a dispetto dei limiti di lunghezza dello scafo imposti dalle dimensioni del bacino di carenaggio di Genova.

Nel marzo del 1933 il Rex fu alla ribalta delle cronache per aver trasmesso la prima trasmissione radiofonica in diretta contemporaneamente negli Stati Uniti e in Europa mentre stava attraversando l’Atlantico.

SCHEDA TECNICA

 

DATA D'IMPOSTAZIONE: 27/04/1930

DATA DEL VARO: 01/08/1931

VIAGGIO INAUGURALE: Genova-New York 27/09/1932

CANTIERE: Ansaldo SA., Genova Sestri e 0.A.R.N.

NUMERO DI SCAFO: 296

COMPAGNIA: Italia Flotte Riunite (Italian Line), Genova

BANDIERA: Italiana

DIMENSIONI:

LUNGHEZZA FUORITUTTO: 268,2 m

LARGHEZZA: 29,5 m

STAZZA LORDA: 51062 t.

PROPULSIONE: 4 turbo riduttori a vapore

VELOCITA' DI SERVIZIO: 26,00 nodi

VELOCITA' MASSIMA:  29,00 nodi

POTENZA: 136.000 cavalli

CAPACITA' ALBERGHIERA:

PRIMA CLASSE: 378

CLASSE SPECIALE: 378

CLASSE TURISTICA: 410

TERZA CLASSE: 860

EQUIPAGGIO 880

FINE: 1944 nel porto di Trieste 8 settembre 1944 bombardato dagli alleati a largo di Capodistria

PROFILO REX.png
ITALIA.jpg

REX SHOP

PIANI GENERALI

 

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

PIANI ISOMETRICI

 

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.